Questo sito web utilizza i cookies tecnici. I cookies non possono identificare l'utente. Se si proseguirà nell'utilizzo del sito si assumerà il consenso all'utilizzo.
Se si desidera utilizzare i siti senza cookie o volete saperne di più, si può leggere qui

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Condividi

maipiusole21 dicembre 2016 - Voglio ri-cucire  la mia vita ... questa frase esprime la necessità di un cambiamento importante su quello che è il corso della propria vita  e un riscatto  sugli errori  commessi da questi uomini  che hanno portato  ad uno strappo, come sul tessuto,  tra  quello che doveva essere e quello che è la loro esistenza. Dalla necessità di comprendere cosa ha portato  a questo strappo e come poterlo  ricucire,  nasce il progetto  Mai+Dentro  dell'''Associazione  Mai+Sole"  di Savigliano, realizzato presso la Casa di  Reclusione di Saluzzo.


In particolare si è cercato di aprire  una finestra  sull'altra  parte del cielo con delle domande importanti e per nulla banali su "come viene visto  il reato da chi lo compie e qual è il suo vissuto?". Questo progetto  quindi  ha previsto  delle attività  di condivisione e creazione che potessero portare  ad un dialogo tra i detenuti  e le volontarie: comprendere la complessità della violenza e poterla combattere in modo costruttivo implica necessariamente prendere coscienza dei vari aspetti  che la compongono, sia verso la vittima  ma anche da chi la mette  in atto.
II laboratorio di sartoria  sicuramente è stata  una proposta innovativa nata nel 2015, non solo per il luogo scelto ma anche per i destinatari, che come riferisce  un partecipante"  persone che non hanno solitamente una propensione all'arte del cucito".  Le attività  hanno portato  alla realizzazionedi borse con tessuti  riciclati,  create dai detenuti  con l'aiuto  delle volontarie dell'Associazione   Mai+Sole  nelle persone di Anna  Maria  Luciano,  Una Arese  (sarta),Elena  Barbero   (sarta)  e Adonella  Fiorito.   Il progetto  ha previsto  un appuntamento settimanale di due ore per quasi tutto  il 2015,  i prodotti  creati sono stati  presentati a delle fiere da parte dell'Associazione e il ricavato  è stato  devoluto ai detenuti  partecipanti, per l'acquisto di beni di prima  necessità. Il progetto è stato riproposto per tutto il 2016 con l’intento di riprendere l’attività anche nel 2017.  (Il Responsabile Area Educativa Cinzia Sannelli)

Joomla templates by a4joomla